Categorie
Accessori acquario

Mangiatoia automatica per acquario

Anche se l’ideale è distribuire il cibo manualmente a volte questo non è possibile, per questo la soluzione più semplice è quella di ricorrere ad una mangiatoia automatica.

Mangiatoia automatica per acquario
Mangiatoia automatica per acquario

Vediamo insieme il modello di mangiatoia automatica che considero più interessante e come utilizzarlo, per chi ha esperienza probabilmente riconoscerà nelle immagini il modello di una nota marca, ma io sono riuscito a trovare lo stesso modello di mangiatoia automatica ma senza marchio a metà prezzo.

Innanzitutto bisogna dire che la mangiatoia automatica non va messa in funzione il giorno prima di andare in vacanza, perché si potrebbe facilmente commettere un errore nelle impostazioni.

Il mio consiglio è di mettere in funzione la mangiatoia automatica un mese prima in modo da verificarne giorno per giorno il corretto funzionamento ed eventuali problemi di impostazioni.

Mangiatoia automatica per acquario istruzioni
Mangiatoia automatica per acquario istruzioni

Impostare la mangiatoia automatica per l’acquario

  • Premi mode/feed fino ad arrivare su 1 (che corrisponde alla prima somministrazione giornaliera che vuoi impostare)
  • Premi set, in questo modo il numero delle ore inizia a lampeggiare
  • Premi + (se vuoi regolare l’ora) ripetutamente fino ad ottenere l’ora voluta, altrimenti passa al punto successivo
  • Premi set, in questo modo il numero dei minuti inizia a lampeggiare
  • Premi + (se vuoi regolare i minuti) ripetutamente fino ad ottenere i minuti voluti
  • Se vuoi impostare una seconda somministrazione giornaliera di mangime premi il pulsante mode/feed fino ad arrivare su 2 (che corrisponde alla seconda somministrazione giornaliera), dopo di che ripeti tutta la procedura come per la prima somministrazione (1).
  • Puoi impostare anche la somministrazione 3 e la somministrazione 4 allo stesso modo
  • Dopo aver impostato le somministrazioni premi il pulsante mode/feed per scorrere le varie somministrazioni e verificare che sia tutto ok
  • se vuoi cancellare la programmazione, premi +, sullo schermo apparirà il numero 1

Impostare ora esatta della mangiatoia automatica

L’ora esatta della mangiatoia automatica viene indicata con “Lo” ovvero local time. Per impostarla basta seguire questa procedura:

  • Premi set, in questo modo il numero delle ore inizia a lampeggiare
  • Premi + (se vuoi regolare l’ora) ripetutamente fino ad ottenere l’ora voluta, altrimenti passa al punto successivo
  • Premi set, in questo modo il numero dei minuti inizia a lampeggiare
  • Premi + (se vuoi regolare i minuti) ripetutamente fino ad ottenere i minuti voluti
Mangiatoia automatica per acquario dimensioni
Mangiatoia automatica per acquario dimensioni

Attenzione, non ruotare mai il contenitore del cibo con le mani, utilizzare sempre il pulsante M. La mangiatoia automatica per l’acquario funziona con due batterie AA.

Mangiatoia automatica per acquario supporto per fissaggio
Mangiatoia automatica per acquario supporto per fissaggio

La mangiatoia automatica può essere fissata sul vetro dell’acquario con un semplice morsetto. Oppure potete poggiare la mangiatoia automatica sul coperchio sfruttando le aperture dello stesso. In questo caso un adesivo con relativo strappo permette di fissarla in comodamente.

Mangiatoia automatica per acquario apertura uscita mangime
Mangiatoia automatica per acquario apertura uscita mangime

La regolazione del dosaggio della mangiatoia automatica è molto semplice, basta far scorrere delicatamente la linguetta grigia del serbatoio. Dopo aver regolato la linguetta della mangiatoia automatica potete fare un tentativo su un foglio di carta bianco premendo il pulsante M per verificare la quantità di mangime che esce dalla fessura.

Mangiatoia automatica per acquario panoramica
Mangiatoia automatica per acquario panoramica
Categorie
Accessori acquario

Tester pH

Test elettronico a batteria per la misurazione del pH, basta premere il pulsante on/off ed attendere una ventina di secondi per avere una misurazione sufficientemente accurata del pH in acquario.

TEST pH
TEST pH

La manutenzione

Dopo aver effettuato una misurazione bisogna evitare che si formino incrostazioni di calcare sulla sonda. Per fare ciò basta lasciare per un breve tempo la sonda del tester a mollo in acqua d’osmosi (demineralizzata).

Precisione dello strumento

Come sapere se la misurazione è corretta? Purtroppo non è possibile, ricordiamoci che si tratta di uno strumento la cui produzione costa non più di 1 o 2 euro, in pratica un giocattolo. Possiamo però avere due tester e confrontare i valori, se sono molto vicini possiamo considerarli accurati.
Sinceramente non ho mai notato misurazioni con valori poco realistici, anzi posso affermare che questo strumento è sicuramente più semplice ed efficace dei test a reagente liquido

Calibrazione dello strumento

  • Accendi lo strumento con il pulsante ON
  • Sciogli la bustina pH 4.00 in un bicchiere con 250 ml di acqua distillata a temperatura 25°C
  • Sciogli la bustina pH 6.86 in un altro bicchiere con 250 ml di acqua distillata a temperatura 25°C
  • Immergi l’elettrodo nella soluzione a PH 6.86 a temperatura 25°C
  • Premi il pulsante “CAL” per 5 secondi e poi rilascialo
  • Sul display appare 6.86 lampeggiante, aspetta che il display smette di lampeggiare, a questo punto sciacqua l’elettrodo con acqua distillata e poi asciugalo con un pezzo di carta assorbente
  • Immergi l’elettrodo nella soluzione a PH 4.00 a temperatura 25°C
  • Premi il pulsante “CAL” per 5 secondi, quindi rilascialo, poi premilo nuovamente e rilascialo immediatamente
  • Sul display appare 4.00 lampeggiante, aspetta che il display smette di lampeggiare, a questo punto sciacqua l’elettrodo con acqua distillata e poi asciugalo con un pezzo di carta assorbente
  • Puoi utilizzare le soluzioni con pH 4.00 e pH 6.86 per fare delle prove con il tester, se questo non misura correttamente i valori dovresti ripretere la calibrazione.
  • Se il pH che devi misurare è molto superiore al 7, conviene effettuare la calibrazione con soluzione a pH 6.86 e quella a pH 9.18.

Scopo della misurazione del pH

Quando si utilizza la CO2 la misurazione del pH è necessaria per confrontarla assieme al valore del KH nella tabella per rilevare la CO2 in acqua.
Pesci e piante hanno delle preferenze di pH per mantenere il loro stato di salute, indicativamente un pH 7 è un buon compromesso in acqua per la maggior parte di pesci e piante che troviamo nei negozi. Alcune rare specie invece hanno bisogno di valori di pH più estremi.

Come si modifica il pH

Con un KH 6-10 o poco più con la CO2
Con un KH 0-5 con acidificanti naturali come foglie di catappa, foglie di quercia
Con un KH 6-10 con torba di sfagno
Ricordiamoci sempre che con un KH 4 o minore i valori dell’acqua possono diventare instabili, che le modifiche vanno provate prima fuori dall’acquario perché un cambiamento inaspettato nei valori del pH può uccidere gli esseri viventi in acquario.

Categorie
Accessori acquario

Pinze acquario

Dove non arrivano le mani, le pinze per l’acquario sono uno strumento di precisione che ci aiuta in ogni occasione.

Ma le pinze da 48 cm a punta curva possono essere anche un ottimo aiuto in cucina, un regalo inaspettato per la moglie o la mamma.

Pinze acquario set
Pinze acquario set

La funzione delle pinze in acquario è quella di piantare le nuove piante, rimuovere oggetti od altro dal fondo senza dover mettere tutto il braccio in acqua, spostare gli arredi, operare ovunque le nostre mani non ci permettono di arrivare.

Le pinze possono avere punta dritta o curva, e possono avere una lunghezza di 27, 38, o 48 cm, per arrivare ovunque vogliamo.

Pinze acquario confronto misure 27-38-48 cm
Pinze acquario confronto misure 27-38-48 cm
Pinze acquario dettaglio punte
Pinze acquario dettaglio punte
Pinze acquario dettaglio generico
Pinze acquario dettaglio generico
Pinze acquario a punta curva
Pinze acquario a punta curva
Pinze acquario a punta dritta
Pinze acquario a punta dritta

Categorie
Accessori acquario

Forbici acquario

Le forbici sono uno strumento fondamentale per chi ha piante in acquario, ve ne sono di vari modelli, per semplificare distingueremo in:

  • Forbici dritte
  • Forbici con punta curva
  • Forbici con punta curva e manico curvo

Forbici per acquario con manico curvo

Forbici per acquario con manico curvo

Le forbici con manico curvo permettono una potatura in tutte le posizioni anche quelle più scomode, ma soprattutto sono adatte a potare il pratino e le piante basse.


Forbici per acquario con punta curva

Forbici per acquario con punta curva

Le forbici con manico dritto e punta curva sono adatte a potare piante a stelo nelle zone basse dell’acquario. Sono solitamente disponibili con punte lunghe o corte.


Forbici per acquario con punta dritta

Forbici per acquario con punta dritta

Le forbici dritte sono le classiche forbici per acquario da sempre utilizzate da tutti, un’ottima soluzione per chi vuole avere un modello di scorta per le potature che non riescono facilmente con gli altri modelli. Sono solitamente disponibili con punte lunghe o corte.

Categorie
Accessori acquario

Filtro acquario – MOD filtro ad aria

Guida alla modifica di un filtro ad aria con una pompa per acquari

I filtri ad aria sono molto poco conosciuti, anche se sono molto semplici da utilizzare. Si tratta in poche parole di una spugna collegata ad un aeratore, in questo filtro l’aria che sale trascina l’acqua aspirandola attraverso le spugne.

Il difetto del filtro ad aria è che è molto poco performante, per questo viene utilizzato soltanto in piccoli acquari con pochi esseri viventi (caridine o piccoli pesci).

Prendendo spunto da altri allevatori ho cercato di rendere un filtro ad aria più potente e finalmente sono riuscito a trovare tutti i pezzi del puzzle.
In pratica ho sostituito l’aeratore con una pompa di movimento che di adatta perfettamente al filtro ad aria, in questo sistema la pompa aspira l’acqua che passa attraverso la spugna e poi viene rimandata in circolo.

Come filtro ad aria sono partito da un modello molto interessante che ha una base d’appoggio pesante che lo tiene fermo sul fondo, in modo da poterlo nascondere facilmente con una pianta o un altro arredo. Mentre come pompa ho utilizzato una pompa di movimento da 350 litri/ora con una caratteristica interessante: la possibilità di creare un flusso d’acqua che va verso l’alto per smuovere la superficie.

Per comprendere meglio come funziona questo filtro ad aria modificato consiglio di guardare il video qui sotto: